Cremaschini s.p.a. | Essiccazione
21671
page,page-id-21671,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.1,menu-animation-underline-bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Essiccazione

Per l’essiccazione del mais la Cremaschini F.lli s.p.a. dispone di un modernissimo impianto di costruzione francese suddiviso in due unità.

 

La grande capacità di lavoro degli impianti, circa 45.000-50.000 q.li al giorno, consente di ottimizzare i tempi, dalla raccolta in campo all’essiccazione; questo risulta indispensabile per evitare lunghe soste del prodotto durante le quali potrebbero innescarsi dannosi processi di respirazione e fermentazione.

Il sistema di essiccazione adottato, conosciuto come metodo francese a basse temperature consiste nel far passare il “mais verde” in un primo stadio posto nella parte superire dell’impianto, alla temperatura di 110°C. Procedendo nell’essiccazione, con la perdita progressiva di umidità, la granella scende nel secondo stadio, dove la temperatura viene mantenuta a 80°C, per evitare danni da eccessivo riscaldamento alle cariossidi già parzialmente essicate.

Prima di lasciare definitivamente l’impianto, il prodotto essiccato viene lasciato riposare e raffreddare gradualmente per evitare rotture della cariossidi provocate dall’eccessiva differenza tra la temperatura interna e quella esterna. A questo punto viene effettuata un’ulteriore pulizia del prodotto secco prima di procedere allo stoccaggio.

 

Lo stoccaggio avviene in silos verticali e in tre capannoni, per una capacità complessiva di 750.000 q.li. Il loro sofisticato sistema di ventilazione garantisce una perfetta conservazione della granella, fondamentale per il mantenimento di valori nutritivi elevati.